cenni storici - PRO LOCO - AVOLA

Vai ai contenuti

Menu principale:

cenni storici

Feste ed eventi > San Giuseppe

San Giuseppe
(tratto dal libro "Avola Festaiola"
di Gaetano Gubernale
a cura di Sebastiano Burgaretta)

Le tradizioni legate alla festa San Giuseppe oggi sono quasi totalmente scomparse.
Ancora fino agli anni cinquanta ogni quartiere aveva, il 19 marzo, la sua luminaria. Sorgevano allora rivalità fra gli abitanti dei quartieri.
Man mano che le vie dei quartieri periferici sono state asfaltate, è stato fatto divieto, da parte delle autorità comunali, di accendere il falò, per non danneggiare il manto stradale, e così a poco a poco, i falò sono diminuiti di numero.
Nella chiesa di Santa Venera, dove si festeggia San Giuseppe, le sacre rappresentazioni hanno origini remote. Già, infatti, nell'omonima chiesa di Avola Antica verso la metà del XVII secolo, si organizzava la Cascza nel giorno del Venerdì Santo.
Fino agli anni sessanta altre manifestazioni venivano organizzate collateralmente alla costruzione delle luminarie: cuccagnia sull'albero, quella che i Pitrè chiama quarantamau, corse coi sacchi ecc.
Fino a qualche decennio fa si usava preparare per il giorno di San Giuseppe dei piccoli pani che venivano dati ai ragazzi e offerti ai vicini di casa. Dal 1972 la processione non si fa più e la festa si svolge in chiesa con le celebrazioni del vespro e delle messe festive.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu