Memorial terremoto 1693 - PRO LOCO - AVOLA

Vai ai contenuti

Menu principale:

Memorial terremoto 1693

Avola

FOTO DI CORRADO BONO - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

CANTO POPOLARE

All'unnici 'i jinnaru a vintin'ura,
fu ppi tuttu lu munnu na ruvina.
Piccili e ranni sutta li timpuna,
ricennu "Aiutu" e nuddu ci ni rava.
Su nn'era pi Maria nostra Signora,
tutti forrumu muorti all'ura r'ora;
all'ua r'ora, ciancirièmmu forti
Si Maria nun facia li nostri parti:
c'è bisognu ri starci a li curti
ca cala Cristu ccu scritturi e carti.

TRADUZIONE

All'undici di gennaio alla ventesima ora,
fu per tutto il mondo un disastro.
Piccoli e grandi sotto le macerie,
Dicevano "Aiuto" e nessuno gliene dava.
Se non fosse stato per Maria, nostra Signora.
Tutti saremmo morti a quest'ora,
se Maria non avesse preso le nostre difese.
c'è bisogno di stare molto vicini,
perchè (per sua intercession) scende Cristo
con le scritture e carte per venire
in nostro aiuto.

Torna ai contenuti | Torna al menu